RICORSI STABILIZZAZIONE E PROGRESSIONE ECONOMICA

 

Dopo la sentenza della corte europea ottenuta dal CONITP , e delle centinaia di sentenze ottenute nei tribunale di tutta Italia,  il CONITP comunica che è ancora possibili presentare  ricorsi per ottenere l’immissione in ruolo e risarcimento per il personale docente e ATA che ha più di 3 annualità nelle scuole statali.

Anche il personale di ruolo immesso in ruolo negli ultimi 5 anni più presentare ricorso per ottenere la progressione economica.

Si consiglia a tutto il personale di II fascia e di III fascia di presentare il ricorso.

Anche il personale incluso nelle graduatorie permanenti ATA /Docenti può presentare ricorso a prescindere da una possibile imminente immessione in ruolo.

 

 

RICORSI  PER ACCEDERE ALLE GAE CON DIPLOMA MAGISTRALE

 

Tutti coloro in possesso del diploma magistrale o affini possono presentare  tramite il CONITP ricorso per accedere alle GAE .

Prima del ricorso bisogna seguire un iter, pertanto gli interessati devono contattare subito il CONITP .

Coloro che hanno presentato ricorso al consiglio di Stato devono solo attendere la sentenza.

 

 

 

RICORSO per contratti a termine fino al 30/06  PER IL RICONOSCIMENTO

di luglio e agosto

Per il personale ATA in modo particolare

I ricorsi possono essere avviati anche dal personale docente

Il personale ATA ( e quello docente ) che hanno lavorato negli ultimi 5 anni su posti vacanti possono presentare ricorso per il riconoscimento economico e giuridico ( punteggio) dei mesi di luglio e agosto.

 

 

 

RICORSI RICONOSCIMENTO ABILITAZIONE PER DIPLOMATI ANTE 2001/2002  con diploma tecnico e diplomi di istituti professionali

Tutti coloro in possesso di un  diploma di un istituto  tecnico o diploma di istituto  professionale  possono presentare  tramite il CONITP ricorso per il riconoscimento dell’abilitazione e l’inserimento in  II fascia delle graduatorie di istituto .

 

Prima del ricorso bisogna seguire un iter, pertanto gli interessati devono contattare subito il CONITP .

Emendamenti al DL Scuola    

TUTTI PRESENTATI GLI EMENDAMENTI DEL CONITP  al Senato

Il CONITP dopo molteplici  incontri PARLAMENTARI  , comunica che sono stati tutti presentate le richieste di emendamenti dai partiti  Forza Italia, Fratelli d’Italia, movimento delle autonomie ( MPA ), gruppo misto del senato etc..

Tra gli emendamenti presentati :

 

-        la modifica dei contratti triennali , albi provinciali previsti dal DL 

-        dimensionamento del  potere di chiamata dei dirigenti scolastici

-         chiamata per supplenze dei docenti di scuola dell’ infanzia e primaria anche per un solo giorno

-         NO all’insegnamento su altra classe di concorso senza il possesso dell’abilitazione ;

-        l’assunzione di tutti i docenti , compreso infanzia, primaria e  personale educativo.

-        salvaguardia delle graduatorie d’istituto.

-        concorso per soli titoli, per l’accesso al ruolo per il personale docente abilitato di II fascia con una riserva di posti.

-        espletamento di un ulteriore corso abilitante riservato per sanare tutti quei docenti che già lavorano da almeno 360 giorni e sono inclusi in III fascia d’istituto,  prima di passare ad una fase di concorsi.

-        l’abrogazione dell’art 14 relativo al blocco dei contratti dopo 3 annualità 

Al Governo
Ai partiti politici
Egregio Ministro ,e sottosegretari egregi parlamentari di camera e senato, egregi politici presidenti di regione e consiglieri regionali , sono ormai anni che la scuola subisce attacchi dai politici Italiani , tagli
agli organici del personale docente e ATA , blocco degli stipendi, taglio al fondo di istituto , blocco ai scatti stipendiali, etc.
Il Governo Renzi , che tanto proclamava una scuola nuova , una scuola migliore , con la presentazione del DL della “ buona scuola ha deluso tutti.
Il Governo si vantava di ascoltare le proposte di tutti: alunni, genitori, insegnanti ,personale ATA , sindacati , ma nei fatti , con ostinazione contro tutti , porta avanti una riforma che nessuno vuole , che nessuno ha
chiesto.
Neanche il più grosso sciopero della scuola, quello del 05/05/2015 , con più dell’ 80% del personale docente e ATA che ha scioperato, ha fatto cambiare idea a questo Governo e alla maggior parte dei parlamentari dei
partiti PD, FI, NCD.
Un Governo ottuso che nessuno si aspettava fino a qualche mese fa,infatti, la gente, la scuola, aveva confidato grande fiducia ,ed invece si rivela un Governo “ dittatoriale “dagli stessi simpatizzanti e attivisti.
Se il Governo non ha tenuto conto delle tantissime proteste , delle proposte, degli scioperi , delle manifestazioni contro la riforma , dovrà tenere in considerazione il risultato elettorale del 31/05/2015 perché la scuola oggi è combatta a non votare più i partiti che vogliono politicizzare e privatizzare un settore tutt’oggi libero che è quello della scuola.

IL CONITP , con la presente lettera, continua a sollecitare il governo e parlamento del grave errore nei confronti della scuola, la buona scuola c’è già ha bisogno solo di ulteriori fondi , quei fondi tagliati anno dopo anno dai Governi che si sono susseguiti, ha bisogno dei docenti ,inseriti nelle GAE e quelli inseriti nelle graduatorie di istituto ,che da anni lavorano e hanno dato il loro contributo educativo, ha bisogno di salari migliori per docenti e ATA, di dirigenti non padroni ma guide per una didattica migliore,la scuola ha bisogno di criteri chiari e trasparenti non di albi regionali, provinciali sub provinciali,ha bisogno di più didattica labratoriale , di più strumenti tecnologici per migliorare la didattica (molte scuole non hanno nemmeno la carta per stampare , gessetti, etc.).
Nulla in discussione per ciò che riguarda i ruoli , ottima cosa l’organico funzionale se gestito bene, ma tutto il resto è da abolire.
Per finire la lettera del Presidente Renzi sembra una presa in giro , parla di confronto , ma il confronto non c’è mai stato nonostante le tante richieste , il Governo si è trincerato dietro le sue idee distruttive. I docenti e il personale ATA hanno già detto NO al disegno di legge quindi se questo governo è un Governo che ascolta deve ritirare tutti gli articoli che si contestano.
Il CONITP è pronto al dialogo vero e costruttivo ed invita tutti i parlamentari a dare un segno di apertura e di vero confronto con il mondo scuola attraverso chi la scuola la vive tutti i giorni.

Il direttivo CONITP
Il Presidente prof. Guastaferro Crescenzo

 

Clicca per scaricare il file pdf

Pagina 14 di 14