Incontro del CONITP con il  Ministero dell’Istruzione

Il CONITP,  rappresentato dal presidente prof. Guastaferro Crescenzo e dal prof. Romano Sebastiano ,prof. Vitale Giacomo   hanno  avuto un incontro informale con  il dott. Luciano Chiappetta del Ministero dell’istruzione.

Durante l’incontro , sono stati affrontati diversi temi , dal personale docente al personale ATA , dal personale di ruolo al personale precario.

Promo tra tutti il CONITP ha sollevato una problematica relativa alle attribuzione delle province per le immissioni in ruolo previste dalla fase “ B “ , in particolare risulta che il sistema non ha funzionato secondo i criteri generali dettati dal MIUR.

Molti docenti soprattutto di sostegno si sono ritrovati  in ruolo in aree diverse dove avevano minor punteggio nonostante avessero diritto all’assunzione sulla propria area disciplinare di sostegno. Risultano già una dozzina di casi al Miur di malfunzionamenti del sistema e attribuzioni di province non corrette.

In questo caso secondo il colloquio avuto , bisogna avviare ricorso al giudice del lavoro poiché non esistono ricorsi ordinari al MIUR.

Per quando riguarda la fase “C” è stato comunicato al CONITP che il sistema attribuirà prioritariamente tutti i posti nella prima provincia scelta dai candidati ,quindi ,  il sistema valuterà prima se è possibile il ruolo sulla classe di concorso con maggior punteggio , poi per le classi di concorso con minor punteggio ,ed infine , se non ci sono capienze  per i ruoli a livello della prima provincia scelta , il sistema,  procederà a far partecipare l’aspirante  alla fase nazionale con la composizione della graduatoria unica. Questo sistema è utile  per tutelare i docenti ed evitare che vadano in province lontane, quindi , con questo sistema coloro che avranno il ruolo altrove saranno quei docenti che non avrebbero lavorato nella propria provincia.

Il CONITP per quanto riguarda la fase “B” ha richiesto al MIUR più trasparenza con la pubblicazione , per ogni classe di concorso , della graduatoria nazionale e l’attribuzione delle province.

 

Prossimi concorsi per docenti abilitati

Per quanto riguarda i prossimi concorsi per i docenti abilitati previsti dalla legge 107/2015 entrata in vigore il 16/07/2015 , è stato comunicato ai responsabili del CONITP che ancora nulla è stato fatto. In merito il CONITP già da tempo ha chiesto che per i concorsi previsti per i docenti abilitati non siano previste prove di acceso e sia esplicato un concorso tenendo presente che si tratta di docenti già con maturato servizio.

 

Corsi  PAS

Per quanto riguarda altri corsi  PAS il CONITP comunica che non c’è ancora nulla di ufficiale. Già da tempo  il CONITP si batte per l’apertura di nuovi percorsi abilitanti per il personale che ha maturato almeno 360 giorni di servizio.

Il CONITP , continuerà la battaglia e le sollecitazioni.

 

PERSONALE ATA

Il CONITP in merito al personale ATA ha sollecitato le immissioni in ruolo . il dott. Chiappetta ha fatto presente che non è stato facile sbloccare le assunzioni a tempo determinato a causa del Ministero della funzione pubblica e quello dell’Economia.

Il CONITP ha ribadito l’importanza di evitare il passaggio degli esuberi della provincia nelle scuole , comprometterebbero la funzionalità delle scuole e danneggerebbero ancora una volta il personale incluso nelle graduatorie permanenti di II fascia e di III fascia.

Secondo indiscrezioni , il numero non si conosce ancora ma se ciò dovrebbe avvenire potrebbe essere in maniera molto ridimensionata.

Il CONITP ricorda che è contro a questo ennesimo provvedimento frutto di una male politica e del silenzio dei sindacati più vecchi.

Il CONITP combatterà affinché ciò non accada come ha sempre lottato ottenendo risultati che nessuno positivi.

 

SUPPLENZE ATA 

Il CONITP molto preoccupato della norma contenuta nella Legge stabilità che prevede che non è possibile nominare per supplenze il personale Amministrativo ( eccetto per scuole con organico di 3 unità) tecnico  e collaboratore scolastico ( eccetto per supplenze superiori a 7 giorni ) , ha chiesto informazione sulla nota MIUR 0025421.12-08-2015. Il CONITP ha chiesto chiarimenti circa la dicitura contenuta nella nota MIUR prima citata che afferma :  “ si precisa che l’art. 1 comma 332 della legge 190/2014 richiamato dalla nota prot. 25141 del 10 agosto fa riferimento alle supplenze brevi”. In particolare il CONITP ha ha chiesto cosa si intende per supplenze brevi ?? una maternità , un ricoverò ospedaliero , un congedo  come i dirigenti devono considerarli ??

Il dott. Chiappetta ha consigliato al CONITP di rivolgersi direttamente al dirigente del MIUR dott. Giacomo Molitierno per chiarire meglio questa nota del 10/08/2015.

Come al solito il lavoro del CONITP continua incessante.

 

 

 

 

Il Presidente prof. Guastaferro Crescenzo

ATA:  Le supplenze ci saranno , i ruoli  ancora bloccati. 

 

Il MIUR fa un passo indietro , grazie anche alle lotte del  CONITP che difende da anni con forza il personale  ATA.

Per quanto riguarda il conferimento delle supplenze è stata trovata una soluzione che in qualche maniera risolve almeno in parte la questione.

Il MIUR ha deciso di coprire tutti posti vacanti e disponibili con contratti a tempo determinato attingendo dalle graduatorie provinciali dei 24 mesi e non, come indicato nella circolare di Agosto 2015, ai sensi dell'art.40, comma 9, della legge 449/1997, fino all'avente diritto, utilizzando le graduatorie di istituto.

Quindi le nomine si faranno regolarmente, sono salvaguardati anche coloro che si avvalgono dell'art. 59 del CCNL. In un primo tempo tutti i contratti saranno al 30/06 e saranno verificati durante l’anno scolastico esigenze di contratti al 31/08.

Per quanto riguarda il passaggio degli esuberi dalle province alle scuole  dovrebbe avvenire dal 01/07/2016.

 

Per quanto riguarda le nomine in ruolo il Capo Dipartimento ha confermato che, nonostante i vari tentativi, la Funzione pubblica non ha autorizzato le nomine in ruolo del personale A.T.A. per il prossimo anno scolastico 2015/2016, bloccate in applicazione della Legge 190/2014, art. 1 commi 422 e successivi che prevede, in attesa del completamento delle procedure di ricognizione e di mobilità del personale delle province e delle Città metropolitane da ricollocare presso altre amministrazioni, il divieto di procedere alle assunzioni a tempo indeterminato.

AVVIO RICORSI PER RICHIEDERE DI ESSERE IMMESSI NEL PIANO STRAORDINARIO DI IMMISSIONI IN RUOLO

 

DESCRIZIONE: Ricorso al TAR per ottenere la partecipazione al piano straordinario di immissioni in ruolo. 

 

REQUISITI: essere abilitati : PAS, Scienze formazione primaria , TFA , Magistrale etc.

MODALITA' DI ADESIONE

inviare o consegnare in sede i seguenti documenti in 5 copie  :

 

Carta identità

Codice fiscale

Copia certificato di abilitazione o autocertificazione

Firma delega legale

Domanda inviata al MIUR

Ricevute dell’invio delle domande al MIUR

 

ISTRUZIONI:  il ricorso è rivolto esclusivamente agli iscritti che usufruiscono della convenzione con lo studio legale , chi non è iscritto può sottoscrivere la delega di adesione  o richiedere info alla mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli interessati possono richiedere la delega legale via mail  a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Graduatorie di istituto II fascia
Scelta delle sedi
Comunicazione titolo di sostegno

 

 

Secondo chiarimento dal MIUR il CONITP comunica che il gestore SIDI ha comunicato che  con provvedimento di prossima pubblicazione è previsto il rilascio dell’istanza polis di scelta delle sedi la cui disponibilità era prevista dal 4 agosto.
Si tratta di un provvedimento atteso per coloro che hanno conseguito l'abilitazione entro il 1° agosto 2015 e hanno presentato il mod. A3 entro il 3 agosto.
L'istanza avrebbe dovuto essere presente giorno 4 agosto su Istanze on line, procedura poi rimandata senza indicazioni da parte del Ministero.

Anche per quanto riguarda il titolodi sostegno Il Miur ha rimandato la comunicazione dell'avvenuto conseguimento del titolo di sostegno a data da destinarsi , rimandato fino ad oggi un adempimento che avrebbe dovuto avere inizio il 13 luglio ha destato preoccupazione nei precari. Manca un mese all'inizio delle lezioni e seppure questa sia la settimana più vacanziera dell'anno, nondimeno i precari continuano a pensare al loro futuro professionale e a preoccuparsi.

I ritardi sono dovuti a problemi tecnici.

Il  CONITP  si oppone alle scelte del Governo sul personale ATA 

 

Il  Ministero con  proposta autonoma  prevede il divieto a procedere alle assunzioni a tempo indeterminato a causa del passaggio del personale soprannumerario dalle Province alle scuole.
Secondo il Dipartimento della Funzione Pubblica, nel blocco della Legge di Stabilità 2015 (commi 422 e successivi) sarebbero ricompresi tutti i profili ATA e non solo gli amministrativi (assistenti e DSGA).
Con la legge stabilità il personale ATA si vede preclusa la stabilizzazione senza vere motivazioni che la giustifichino.
Anche le nomine annuali sono a rischio.
Il CONITP che aveva già anticipato da tempo le possibili scelte perverse del Ministero , dice NO al blocco dei ruoli e delle supplenze per il personale ATA .
Il CONITP ricorda che personale ATA è quello che da anni paga il prezzo più caro di scelte scellerate del Governo , il quale continua imperterrito a trucidare e mortificare un intera categoria che contribuisce al buon funzionamento delle scuole alla quale si attribuiscono sempre più competenze e responsabilità.
L’ufficio legale del CONITP sta già studiando ricorsi in tribunale ( anche per incostituzionalità ) contro le scelte del Ministero ed in tutela del personale ATA.

 

 

Diffida inviata al miur

 

 

        AL Ministero dell’Istruzione

Viale Trastevere 76/a

 

Oggetto: diffida avverso mancate immissioni in ruolo, eventuali blocco di nomine a tempo determinato e passaggio del personale dagli enti locali alla scuola.   
Il CONITP in merito all’oggetto( mancate immissioni in ruolo)  ricorda che la sentenza della corte Europea riguarda non solo il personale docente ma anche il personale ATA, in merito, codesta associazione sindacale puntualizza che tra i ricorsi, e le motivazioni presentate per la stabilizzazione del personale scuola, nei tribunali del lavoro, alla corte Costituzionale Italiana( l’ ordinanza del 3 luglio 2013 C-418/2013)   , alla corte di giustizia Europea ( sentenza 26/11/2014) ordinanza 1999/70/CE  ,  c’è sempre stato anche il personale ATA  la direttiva parlano, appunto, anche di stabilizzazione del personale ATA .
Pertanto il piano di assunzioni previsto dal Governo per i docenti  deve essere esteso anche al personale ATA, in quanto una mancata risposta al problema sollevato dal CONITP porterà ad una serie di contenziosi nei tribunali competenti, con il rischio di grossi risarcimenti per il personale ATA precario a carico del Governo.
Il CONITP, quindi, diffida il Governo e invita a prevedere un piano di assunzioni in ruolo anche per tutto il personale ATA.
Inoltre si diffida il MIUR ad una ricollocazione del personale degli enti locali nelle scuole che danneggerebbe, ancora una volta i lavoratori (ATA) che da anni lavorano nel settore scuola e che si ritroverebbero senza lavoro a causa di queste scelte del Ministero.
Il CONITP ritiene Sconcertanti queste scelte ed invita il Ministero a fare un passo indietro tutelando il personale ATA attraverso le immissioni in ruolo e il mantenimento degli organici per le supplenze da attribuire al personale incluso nelle graduatorie permanenti e di istituto secondo  la legislazione vigente, nazionale ed europea. Infatti, l'art. 15 della legge n. 128/2013 prevede “un piano triennale per l'assunzione a tempo indeterminato di personale docente, educativo e ATA, per gli anni 2014-2016, tenuto conto dei posti vacanti e disponibili in ciascun anno, delle relative cessazioni del predetto personale” . La stessa legge di stabilità n. 190/2014 ha disposto un apposito fondo nazionale “finalizzato all'attuazione degli interventi di cui al medesimo comma 4, con prioritario riferimento alla realizzazione di un piano straordinario di assunzioni”

Si confida nell’accoglimento della presente
In caso negativo si adirà per vie legali  

 

Il Presidente del CONITP prof. Guastaferro Crescenzo 

a chi sono rivolte le domande 

 

la domanda va presentata da tutti gli abilitati che intendono presentare ricorso per la  mancata possibilità di partecipare al piano di assunzione .

 

Requisiti:

Possono partecipare a questo ricorso i docenti in possesso di abilitazione all'insegnamento (TFA, PAS, Laurea in Scienze della Formazione Primaria, Diploma magistrale abilitante, altra abilitazione) non inseriti nelle graduatorie ad esaurimento e, pertanto, esclusi dal piano straordinario di assunzioni di cui alla Legge 107/2015 (c.d. "Buona Scuola").

 

 

Nota bene:

NB: Nella compilazione del modello cartaceo si specifica che il requisito del possesso dei titoli entro il 10-05.2014 NON SI APPLICA all'abilitazione che, pertanto, può essere conseguita anche successivamente. Solo i titoli di servizio e culturali devono essere conseguiti entro il 10 maggio 2014.

 

 

La domanda va presentata anche da tutti coloro che hanno un ricorso pendente 

 

 

gli iscritti possono contattare il CONITP per info sulla compilazione delle domande e chiarimenti 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

 

Scarica la Domanda immissione piano straordinario assunzioni abilitati non ingae

Scarica la domanda per immissioni in ruolo docenti abilitazione con riserva

COMPILAZIONE DOMANDA ONLINE

IMMISSIONI IN RUOLO FASE B e C

 

La funzione è finalizzata all'acquisizione delle domande da parte degli aspiranti docenti non di ruolo inclusi nelle graduatorie a esaurimento e nelle graduatorie del concorso D.D.G. n. 82 del 24 settembre 2012.

TEMPISTICA Il modulo di domanda online è disponibile nello spazio Istanze on line del sito MIUR. I termini di presentazione delle domande via web sono dalle ore 9.00 del 28 luglio alle ore 14.00 del 14 agosto.

Nel caso in cui l'aspirante docente abbia diritto a partecipare e sia presente sia nelle graduatorie a esaurimento sia in quelle del concorso D.D.G. 82/2012, la funzione prevede l'acquisizione della domanda mediante la selezione della categoria per la quale l'aspirante intende presentare la domanda.

Infatti per un'aspirante docente inserito in entrambe le categorie di reclutamento è necessario scegliere per quale categoria partecipare al piano straordinario di assunzioni 2015/2016.

Il docente, durante l’inserimento della domanda visualizza dati anagrafici e di recapito. Solo le informazioni di recapito
possono essere modificate.  

Nel caso in cui l’aspirante docente abbia diritto a partecipare e sia presente sia nelle graduatorie a
esaurimento sia in quelle del concorso D.D.G. 82/2012, la funzione prevede l’acquisizione della domanda
mediante la selezione della categoria per la quale l’aspirante intende presentare la domanda

 

Ordine di preferenza delle province

Nella fase successiva bisogna indicare le 100 province in ordine di preferenza .

Dopo aver confermato la domanda il sistema invia, all’aspirante docente, una e-mail con la ricevuta della
conferma della domanda di assunzione. La domanda sarà presente anche nell'archivio personale 2015. 

 

 

 

Per info, chiarimenti  il CONITP offre assistenza a tutti i propri associati

 

Clicca per scaricare file di indicazioni da MIUR

 

A

B

C

D

E

F

G

H

I

REGIONI

CONSISTENZA GAE

CONSISTENZA GAE INF.

RUOLO DDL 107/15

RUOLO INF. GAE

RUOLO CONCORSO 2012 INFA.

RUOLO CONCORSO 2012 E PRECEDENTI

GAE ESAURITE

GAE NON ESAURITE

GAE NON ESAURITE INFANZIA

ABRUZZO

2615

694

2361

97

97

9500

 

157

500

BASILICATA

1435

474

1098

54

53

 

337

367

CALABRIA

5346

1524

3198

97

96

 

2052

1331

CAMPANIA

12656

4365

8899

205

204

 

3553

3956

E. ROMAGNA

5947

2222

7881

260

260

-2194

 

1702

FRIULI

1338

594

2031

59

58

-751

 

477

LAZIO

9725

3086

11347

321

321

-1943

 

2444

LIGURIA

1366

414

2659

70

69

-1362

 

275

LOMBARDIA

10115

4129

18096

371

370

-8351

 

3388

MARCHE

2772

667

2805

141

140

-173

 

386

MOLISE

863

234

816

16

16

 

31

202

PIEMONTE

3909

1359

7914

257

256

-4261

 

846

PUGLIA

8779

2176

6701

213

212

 

1924

1751

SARDEGNA

2422

872

2715

80

80

-373

 

712

SICILIA

13013

4363

7069

154

154

 

5790

4055

TOSCANA

5025

1915

6775

337

337

-2087

 

1241

UMBRIA

1495

447

1772

75

75

-352

 

297

VENETO

4865

2474

8597

182

182

-3914

 

2110

TOT.

93686

32009

102734

2989

2980

-25761

23614

26040

 

 

 

LEGENDA:

LA COLONNA A INDICA LA CONSISTENZA DELLE GAE IN TUTTE LE CLASSI DI CONCORSO TRANNE L'INFANZIA - LbS 2 - Distribuzione aspiranti GAE punteggio maggiore per provincia, gradi di istruzione, classi di concorso FONTI MIUR

LA COLONNA B INDICA LA CONSISTENZA DELLE GAE DEI DOCENTI DI SCUOLA DELL'INFANZIA -LbS 2 - Distribuzione aspiranti GAE punteggio maggiore per provincia, gradi di istruzione, classi di concorso FONTI MIUR

LA COLONNA C INDICA LE IMMISSIONI IN RUOLO PROGRAMMATE DAL DDL BUONA SCUOLA INCLUSO L’ORGANICO POTENZIATO -ALLEGATI FONTI MIUR

LA COLONNA D INDICA LE IMMISSIONI IN RUOLO SCUOLA INFANZIA -TABELLE FONTI MIUR

LA COLONNA E INDICA LE IMMISSIONI IN RUOLO SCUOLA INFANZIA CONCORSO -TABELLE FONTI MIUR

LA COLONNA F INDICA LE IMMISSIONI IN RUOLO PER TUTTE LE CLASSI DI CONCORSO 2012

LA COLONNA G INDICA IL FABBISOGNO DI POSTI CON LE GAE ESAURITE DOPO LE IMMISSIONI IN RUOLO PER TUTTE LE CLASSI DI CONCORSO PROVINCIA PER PROVINCIA

LA COLONNA H INDICA LA MANCANZA DI POSTI CON LE GAE NON ESAURITE DOPO LE IMMISSIONI IN RUOLO PER TUTTE LE CLASSI DI CONCORSO PROVINCIA PER PROVINCIA+ IL RUOLO ASSEGNATO AI CONCORSI 2012

LA COLONNA I INDICA LA CONSISTENZA DELLE GAE PER LA SCUOLA DELL'INFANZIA DOPO LE IMMISSIONI IN RUOLO PROGRAMMATE DAL DDL “BUONA SCUOLA” PROVINCIA PER PROVINCIA

CONSIDERAZIONI

I numeri indicano che le gae tranne l'infanzia si potrebbero anche esaurire dopo le 102.734 assunzioni, potrebbero addirittura rimanere da assegnare piu' di 3000 cattedre,ma rimangono molte criticita':

-rimangono in gae ben 26.040 docenti della scuola dell'infanzia;

-quasi 26.000 docenti (Abruzzo,Calabria, Campania, Molise,Puglia,Sicilia, quasi tutte regioni del sud italia)dovranno fare la valigia per l'incarico a tempo indeterminato nelle regioni con le disponibilita' (E. Romagna,Friuli, Lazio,Liguria, Lombardia, Marche,Piemonte, Sardegna, Toscana, Umbria,Veneto, quasi tutte regioni del nord italia) ;

-molte classi di concorso con tantissimi aspiranti ( A017, A019, A025, A028,A029, A030, A032,A060,A345, A346) avranno difficoltà ad esaurirsi anche con l'organico potenziato;

- mentre altre classi di concorso (fonte tuttoscuola): “nella scuola secondaria di I grado non potranno essere coperti 1.157 posti; in quella di II grado 1.985”. “tuttoscuola” presenta anche alcuni casi emblematici. ad esempio, “per la classe di concorso A059 (scienze matematiche chimiche nella scuola media) i docenti iscritti in gae e gm sono 2.014, mentre i posti vacanti da ricoprire sono 2.675: rimarranno scoperti 661 posti. per la classe di concorso A445 (lingua spagnola) i docenti iscritti sono complessivamente 279 contro una disponibilità di 465 posti: ne rimarranno scoperti 186”. L’elenco delle discipline con scarsità di candidati al ruolo è lungo. “per AB77 (chitarra) docenti 44, posti 203: restano scoperti 159 posti. per la classe i concorso C430 (laboratorio tecnologico per l'edilizia ecc.) docenti 47, posti disponibili 373: restano scoperti 326 posti. per le classi di concorso C500 e C510 (tecnica dei servizi, ecc.) 14 docenti complessivi per 559 posti: resteranno scoperti 545 posti. per la classe A020 (discipline meccaniche e tecnologia) docenti 117, posti disponibili 283: restano scoperti 166 posti”. Ma la carenza di prof da assumere in ruolo potrebbe diventare ben più gravosa: prima di tutto perché, osserva ancora tuttoscuola, “i 3.142 posti che al termine dell'intera procedura di assegnazione rimarranno scoperti potrebbero aumentare se i docenti titolari, iscritti in più classi di concorso, optassero diversamente”. in seconda battuta, perché non possiamo prevedere quali saranno le classi di concorso da potenziare in ogni istituto;

-ovviamente le scuole progetteranno l’organico potenziato secondo le rispettive esigenze e non certamente secondo i docenti presenti in gae in soprannumero, quindi si determinerà sicuramente per molte classi di concorso il non esaurimento delle graduatorie sia gae che dal concorso 2012 che dovranno restare in vigore per anni ancora;

-molti docenti magistrali -pas -tfa hanno gia’ avuto provvedimenti dei giudici favorevoli all’inserimento in gae e migliaia ancora sono in attesa di provvedimenti che saranno sicuramente favorevoli e andranno ad ingrossare le gae;

-quanti docenti faranno la valigia? ci saranno contenziosi infiniti.

-a conti fatti il ddl 107/2015 non assegnerà sicuramente più di diecimila cattedre che rimarranno al palo.

-se la buona scuola ha previsto il concorso entro il primo dicembre 2015, nei prossimi anni a chi saranno assegnati i posti ALLE GAE-CONCORSO 2012-CONCORSO 2015?.

- quanti anni ancora ci vorranno per smaltire le gae? Per i docenti della scuola dell’infanzia sicuramente tanti anni!!!

-ma questa legge non doveva esaurire le gae, eliminare la supplentite, fornire le scuole di tutti i docenti gia’ dal primo settembre…… i famosi slogan di Renzi, della Giannini, del Faraone ecc. , la buona scuola si rileverà a nostro avviso tutto un bluff e farà danni per molti anni al nostro sistema scolastico italiano.

 

DOCENTI SCUOLA INFANZIA POTRANNO PRESENTARE DOMANDA PER RUOLI SU SCALA NAZIONALE?

 

Le assunzioni in ruolo degli insegnanti della scuola dell'infanzia potranno riguardare esclusivamente i posti vacanti e disponibili in organico di diritto.

Secondo indiscrezioni del MIUR , cosa da confermare , potranno partecipare alla fase “ B” anche i docenti della scuola dell’infanzia , cioè ,  quella nella quale saranno attribuiti a livello nazionale i posti che ancora residueranno per mancanza di aspiranti nella provincia in cui ci sono le disponibilità, si tratta del solo organico di diritto.

 

Naturalmente è da precisare che tutto questo è molto difficile che si  verifica per le province del centro sud.

Sicuramente i posti che rimarranno vacanti in tutta Italia, dopo la prima fase di assunzioni , saranno pochissimi . Comunque rimane il fatto che la domanda può essere, probabilmente, presentata e che è riconosciuto il diritto a partecipare solo per i posti  vacanti e disponibili in organico di diritto.

I docenti di scuola dell'infanzia sono esclusi quindi dalla fase C del piano, quella del potenziamento dell'offerta formativa, in quanto per i residuali si prospetta il progetto 0- 6 inserito tra le deleghe assegnate al Governo.

IMMISSIONI IN RUOLO FASE “A”

Per le prossime immissioni in ruolo il CONITP consiglia di collegarsi sui siti dei diversi USP per verificare i calendari che verranno pubblicati .

Diverse province hanno già pubblicato i calendari per le immissioni in ruolo , altre province  sono in fase di pubblicazione.

Gran parte delle province termineranno la prima fase delle immissioni in ruolo entro fine luglio inizi di agosto .

Consultando questo link è possibile verificare le disponibilità per i ruoli per province e classi di concorso.

http://www.conitp.it/index.php/item/309-assunzioni-a-tempo-indeterminato-docenti-tabelle-per-regione-provincia-e-classe-di-concorso

 

 

IMMISSIONI IN RUOLO FASE “B” e “C”

La fase B e C delle immissioni in ruolo è su base Nazionale , ricordiamo che non fanno parte di questa fase i docenti di scuola dell’infanzia e pers. Educativo .

Le domande vanno presentate fra le ore 9.00 del 28 luglio e le ore 14.00 del 14 agosto 2015 attraverso il sistema di Istanze on line del Miur, raggiungibile dalla home page www.istruzione.it.

La prima fase di immissioni in ruolo Nazionale ( che segue quella provinciale o regionale per i concorsi )   riguarda i posti non assegnati ed eventualmente vacanti a seguito delle  assunzioni sul turn over (36.627)

La face successiva ( C ) riguarda i 55.258 nuovi posti del potenziamento, di cui 6.446 destinati al rafforzamento del sostegno.Anche in questo caso la procedura coinvolgerà gli iscritti nelle Gae e nelle graduatorie del concorso 2012 che hanno già presentato la domanda nella fase B per la procedura nazionale

Tutti coloro che faranno domanda dovranno mettere in ordine di preferenza tutte le province d’Italia. Le nomine avverranno in modo centralizzato, con procedura informatizzata. I docenti potranno accettare o meno l’offerta ricevuta. In caso di accettazione, l’Usr di riferimento indicherà la sede di servizio. Chi rinuncia non sarà destinatario di ulteriori proposte di assunzione. 

 

 Il CONITP , come sempre , offre consulenza a tutti i propri associati

 

Scarica il Decreto

Pagina 13 di 15