Graduatorie provinciali e di istituto

In allegato il  testo definitivo dell’Ordinanza Ministeriale che disciplina sia la formazione degli elenchi che l'attribuzione delle supplenze. 

Graduatorie provinciali prima fascia: titoli di accesso

• Titolo di abilitazione alla specifica classe di concorso secondo la normativa vigente oppure
• Titolo di abilitazione conseguito all’estero valido come titolo di abilitazione nel Paese di origine e riconosciuto valido ai sensi del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, e riconducibile alla specifica classe di concorso (sulla base del punteggio conseguito).

L’abilitazione vale da 4 a 12 punti

ITP graduatorie provinciali seconda fascia: titoli di accesso

• Titolo di studio ed eventuali titoli aggiuntivi previsti dalla normativa vigente per la specifica classe di concorso oppure
• Titolo di studio conseguito all’estero riconosciuto equipollente sulla base della normativa vigente,

più uno dei seguenti requisiti:
• 24 CFU/CFA acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra-curricolare nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche;
• abilitazione specifica su altra classe di concorso o per altro grado;
• precedente inserimento nella terza fascia delle graduatorie di istituto per la specifica classe di concorso.

Quindi

  • chi era già inserito nelle Graduatorie del 2017/20 accede solo con il diploma
  • chi è in possesso di abilitazione per altra classe di concorso (vale anche infanzia e primaria) accede senza i 24 CFU, anche se non inserito nel 2017

Chi invece ha solo il diploma che permette l’accesso alle classi di concorso della tabella B e vuole accedere alle graduatorie per le supplenze 2020/21 e 2021/22, deve essere in possesso dei 24 CFU in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche di cui al DM 616/2017.

N.B. Chi era già inserito nel 2017 per una classe di concorso e chiede nel 2020 di inserirsi per una nuova classe di concorso, per quest’ultima deve essere in possesso dei 24 CFU.

Il diploma vale 12 punti
Più 0,50 punti per ogni voto pari o superiore a 77/110
Più ulteriori 4 punti se il titolo di studio è stato conseguito con la lode

Procedura straordinaria, per titoli ed esami, per l’immissione in ruolo di personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune e di sostegno. Modifiche e integrazioni al decreto 23 aprile 2020, n. 510. 
 
 I candidati possono presentare istanza di partecipazione al concorso a partire dalle ore 9,00 dell’11 luglio 2020 fino alle ore 23,59 del 10 agosto 2020
 

Prova scritta posti comuni: 5 quesiti + 1 di inglese

La prova scritta per i posti comuni, è finalizzata alla valutazione delle conoscenze e delle competenze disciplinari e didattico-metodologiche, nonché della capacità di comprensione del testo in lingua inglese ed è articolata come segue:

a. cinque quesiti a risposta aperta, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze disciplinari e didattico-metodologiche in relazione alle discipline oggetto di insegnamento;
b. un quesito, composto da un testo in lingua inglese seguito da cinque domande di comprensione a risposta aperta volte a verificare la capacità di comprensione del testo al livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue.

 Prova scritta posti di sostegno

La prova scritta per i posti di sostegno è finalizzata all’accertamento delle metodologie didattiche da applicare alle diverse tipologie di disabilità, nonché finalizzata a valutare le conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità, oltre che la capacità di comprensione del testo in lingua inglese ed è articolata come segue:

a. cinque quesiti a risposta aperta, volti all’accertamento delle metodologie didattiche da applicare alle diverse tipologie di disabilità, nonché finalizzata a valutare le conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità;

b. un quesito, composto da un testo in lingua inglese seguito da cinque domande di comprensione a risposta aperta volte a verificare la capacità di comprensione del testo al livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue.

Prova scritta classi di concorso di lingua inglese

La prova scritta per le classi di concorso di lingua inglese e’ svolta interamente in inglese ed è composta da 6 quesiti a risposta aperta rivolti alla valutazione delle relative conoscenze e competenze disciplinari e didattico-metodologiche.

I quesiti  delle classi di concorso relative alle restanti lingue straniere, sono svolti nelle rispettive lingue, ferma restando la valutazione della capacità di
comprensione del testo in lingua inglese al livello B2 con il quesito di lingua inglese.

Quanto si paga

50 euro per ogni procedura per cui si concorre.

Ricordiamo che si può concorrere max per tre procedure

  1. una classe di concorso posto comune
  2. sostegno I grado se in possesso del relativo titolo di specializzazione
  3. sostegno secondo grado se in possesso del relativo titolo di specializzazione
 

Requisiti di accesso

  • Posti comuni 

Possono accedere al concorso straordinario per il ruolo scuola secondaria di primo e secondo grado, gli aspiranti in possesso dei requisiti di seguito riportati (possesso congiunto):

– tre annualità di servizio nelle scuole secondarie statali anche non consecutive svolte tra l’a.s. 2008/09 e l’anno scolastico 2019/20 su posto comune o di sostegno 

-un anno deve essere stato svolto per la classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre   

-possesso del titolo di studio valido per l’accesso alla classe di concorso richiesta (laurea con eventuali CFU per la classe di concorso ovvero abilitazione o idoneità concorsuale nella specifica classe di concorso)  
 
 
  • Posti di insegnante tecnico-pratico (ITP)

Il requisito richiesto, sino al 2024/25, è il diploma di accesso alla classe di concorso della scuola secondaria superiore (tabella B del DPR 19/2016 modificato dal Decreto n. 259/2017).

  • Posti di sostegno

I requisiti già indicati per i posti comuni oppure quelli per i posti di ITP più il titolo di specializzazione su sostegno. 

 
 
provvedimento pubblicato in gazzetta ufficiale 
 

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/concorsi/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2020-07-10&atto.codiceRedazionale=20E07751  

 
 
in allegato il prospetto dei posti , aggregazioni  e programmi 
 
 

In allegato il modello di reclamo avverso arrate attribuzione punteggi, o preferenze del personale ATA inserito nelle graduatorie permanenti 

I docenti e il personale ATA che intendono partecipare alla mobilità annuale per il prossimo anno scolastico dovranno compilare e inviare le domande nella piattaforma ministeriale Istanze Online o cartacea ( in base alle situazione ruolo )  la decorrere dal prossimo 13 luglio e avranno tempo fino al 24 luglio.  

 
tutto il personale in possesso dei requisiti può chiedere l’assegnazione provvisoria, liberando il campo dai dubbi circa l’accesso dei docenti assunti da DDG 85/2018 con vincolo quinquennale, già esclusi dai trasferimenti 
 
 Per via della decorrenza giuridica anno scolastico 2019/2020 rientrano tra i destinatari anche coloro che sono stati nominati sui cosiddetti posti quota 100.
 
Scadenza e presentazione delle domande:
– Personale docente (infanzia, primaria e secondaria):
dal 13 luglio al 24 luglio 2020 attraverso Polis Istanze On Line.
– Personale ATA (ausiliario, tecnico ed amministrativo):
dal 13 luglio al 24 luglio 2020 in modalità cartacea.

Tassa

CONCORSO ORDINARIO medi e superiori

I candidati dovranno pagare una tassa di partecipazione pari a 10 € PER OGNI CLASSE DI CONCORSO tramite bonifico bancario sul conto intestato a: sezione di tesoreria 348 Roma succursale IT 33D 01000 03245 348 0 13 2407 03  Causale:

«procedura  concorso ordinario – regione – classe di concorso – nome e cognome – codice fiscale del candidato

 

CONCORSO ORDINARIO infanzia e primaria

Il pagamento deve essere effettuato

tramite bonifico bancario sul conto intestato a: sezione di tesoreria

348 Roma succursale IT 28S 01000 03245 348 0 13 2410 00

procedura  concorso ordinario – regione – classe di concorso – nome e cognome – codice fiscale del candidato

Immissioni in ruolo anno scolastico 2020/21

Inserimento in fascia aggiuntiva

A partire dalle ore 9 del 10 luglio 2020 fino alle ore 23,59 del 17 luglio 2020, sarà disponibile on line l’istanza con la quale i docenti collocati nelle graduatorie di merito e negli elenchi aggiuntivi del concorso 2016 potranno iscriversi nella fascia aggiuntiva alle graduatorie di merito dei concorsi 2018. 

La presentazione della domanda per l’inserimento in fascia aggiuntiva avverrà tramite il sistema POLIS (Presentazione On Line delle Istanze), accessibile dal sito www.miur.gov.it.

Per l’accesso a POLIS sarà necessario essere in possesso di un’utenza valida per l’accesso al servizio Istanze Online e aver effettuato la procedura di abilitazione o, in alternativa, essere in possesso di un’utenza SPID.

Potranno accedere all’istanza i candidati ancora presenti, a pieno titolo o con riserva, nelle graduatorie di merito e negli elenchi aggiuntivi regionali dei concorsi per titoli ed esami di cui ai D.D.G. 105, 106 e 107 del 23 febbraio 2016, per il reclutamento del personale docente della scuola dell’infanzia e primaria, secondaria di I e II grado nonché per i posti di sostegno.

Le istruzioni

Il docente interessato, in relazione a ciascuna graduatoria in cui è collocato (o come vincitore o come idoneo), può presentare domanda per una sola regione, che sia la medesima nella quale è già presente, oppure una diversa.

Il candidato che intende chiedere l’inserimento per più graduatorie o
elenchi aggiuntivi per i quali ha titolo, presenta un’unica istanza con
l’indicazione, per ciascuna procedura concorsuale, della regione nella cui fascia aggiuntiva intende essere collocato.

La domanda è presentata su base volontaria, tramite un’apposita funzione attivata dal Ministero dell’Istruzione.

Ogni candidato sarà inserito nella fascia aggiuntiva con il medesimo punteggio che già possiede nella graduatoria di origine.

Le due fasce delle GPS graduatorie provinciali delle supplenze

Le GPS saranno distinte in prima e seconda fascia.

La prima per i docenti in possesso del titolo di abilitazione (riguarda quindi anche i docenti attualmente iscritti nella prima fascia di istituto)

La seconda  per i docenti in possesso

  • del titolo di studio + 24 CFU oppure
  • precedente inserimento del triennio 2017/20
  • oppure abilitazione per altra classe di concorso o grado di scuola.

Saranno utilizzate per l’attribuzione delle supplenze al 31 agosto o 30 giugno, residue dopo lo scorrimento delle graduatorie ad esaurimento.

Supplenze

Possono essere

  • fino al 31 agosto
  • fino al 30 giugno
  • temporanee (max ultimo giorno di lezione)

Per l’attribuzione delle supplenze fino al 31 agosto e 30 giugno si utilizzano le GaE (Graduatorie ad esaurimento).

Per i posti residui dalle GaE sarà possibile attingere dalle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS).

Graduatorie di istituto

Saranno ancora costituite da prima, seconda e terza fascia e rimangono di competenza dei Dirigenti Scolastici, che le utilizza per il conferimento delle supplenze temporanee (max ultimo giorno di lezione).

Le bozze delle tabelle di valutazione dei titoli

Gli aspiranti che richiederanno di accedere alle GPS di prima e seconda fascia saranno graduati secondo apposite tabelle di valutazione dei titoli.

COME SEMPRE IL GOVERNO CAMBIA TUTTO

Il CONITP visto le bozze delle nuove graduatorie di istituto , esprime forte perplessità. Non è possibile cambiare le tabelle di valutazione in pochi giorni senza dare le giusti indicazioni a chi è nel mondo scuola e chi dovrà inserirsi nel mondo scuola.

Come sempre un Governo incapace , mette in subbuglio la scuola con modifiche sostanziali alle graduatorie di istituto( GPS).

Si attribuiscono gli  stessi punteggi ( 0,5 ) per corsi che richiedono maggiori competenze e impegno come  master o perfezionamenti annuali universitari di 1500 ore e 60 CFU riaspetto a corsi informatici ; stessa cosa per corsi Biennali universitari di 300 ore ( attribuiti 1,5 punti da 6 precedentemente attribuiti ) ; fino ad  oggi il Governo non è mai stato chiaro se gli ITP hanno bisogno dei 24 cfu ( nella bozza si conferma la necessità dei 24 cfu per nuovi inserimenti)  il CONITP lo ha sempre saputo in  modo ufficioso da esponenti politici; si modifica la valutazione del servizio :un servizio dichiarato come specifico in II fascia non può essere dichiarato come aspecifico in terza fascia per altra classe di concorso.

Non c’è mai chiarezza nelle modifiche del MIUR , non c’è dialogo con i sindacati e chi vive ogni giorno la scuola , è un Governo sordo a tutte le richieste che provengono da chi ha competenza nel settore scuola.

Il CONITP  richiede maggiore trasparenza nell’attribuzione delle supplenze ( pubblicazione sul proprio sito delle nomine effettuate con relativi punteggi e classe di concorso( sono infatti centinaia i casi riscontrati di dirigenti che non scorrono le graduatorie e chiamano direttamente a loro piacimento), inoltre e prassi comune che le scuole chiamano per conoscere la disponibilità di un docente senza mandare alcuna convocazione ( è una prassi che secondo il CONITP è illegale e illegittima che tende a favorire persone durante la convocazione , infatti , con le chiamate preventive si conoscono i docenti non occupati e si attende una loro occupazione per chiamare chi si vuole.

Il CONITP , si augura che almeno questa volta il Governo ascolti il CONITP e modifica la bozza del decreto sulle graduatorie GPS /istituto, nella parte relativa ai punteggi per titoli  ripristinando i vecchi punteggi attribuiti per master/perfezionamenti, corsi informatici e corsi biennali, valutazione del servizio non specifico  e dare maggiore trasparenza sulle attribuzioni delle supplenze.

 
Pubblichiamo gli elenchi dei trasferimenti a seguito delle operazioni di mobilità per tutti gli ordini di scuola, Infanzia, Primaria, Secondaria di I e II Grado con tutti i  trasferimenti avvenuti sia in fase provinciale che interprovinciale. Inoltre allegato a questo articolo anche il tabulato con il riepilogo nazionale dei movimenti ed i posti residui per ogni provincia sempre diviso per grado scolastico.
Chi non ritrova il suo nominativo  in questi file vuol dire che non ha avuto la domanda soddisfatta né in fase provinciale né interprovinciale.  
 
in allegato i file con tutti i trasferimenti 

Graduatorie ad esaurimento FINESTRA PER : scioglimento riserva, titoli riserva posti, presentazione titolo sostegno. Scadenza 3 luglio,

Decreto n 36 del 23 giugno 2020. Procedure di scioglimento delle riserve e di inserimento dei titoli di specializzazione sul sostegno e di didattica differenziata degli aspiranti presenti nelle Graduatorie ad esaurimento.

Scioglimento della riserva 

Il termine entro il quale i docenti già iscritti con riserva nelle graduatorie ad esaurimento, in attesa del conseguimento del titolo, devono conseguire l’abilitazione ai fini dello scioglimento della riserva per l’anno scolastico 2020/21, è fissato al 3 luglio 2020.

Inserimento titoli di riserva dei posti

Il termine entro il quale i docenti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento devono possedere i requisiti per beneficiare della riserva dei posti è fissato al 3 luglio 2020.

Inclusione annuale negli elenchi di sostegno e dei metodi didattici differenziati

Il termine entro il quale i docenti già iscritti nelle graduatorie ad esaurimento devono conseguire il titolo di specializzazione sul sostegno è fissato al 3 luglio 2020. Entro lo stesso termine possono essere dichiarati i titoli di specializzazione all’insegnamento relativi ai metodi didattici differenziati ai fini dell’inclusione nei relativi elenchi.

Modalità e termini presentazione domande

Le domande di inclusione a pieno titolo nelle graduatorie ad esaurimento, di aggiornamento dei titoli di riserva, di inclusione negli elenchi del sostegno o negli elenchi relativi ai metodi didattici differenziati devono essere rivolte alla sede territoriale dell’Ufficio scolastico regionale che ha gestito la relativa domanda per il triennio 2019/20, 2020/21 e 2021/22, a decorrere dal 24 giugno 2020 sino al 3 luglio 2020, esclusivamente tramite l’apposita istanza disponibile sul sito internet del Ministero al percorso “Argomenti e Servizi > Reclutamento e servizio del personale scolastico > Graduatorie a esaurimento > Aggiornamento graduatorie ad esaurimento aa.ss.2019-2021”.

Gli aspiranti dichiarano:

  1. nella domanda di inclusione a pieno titolo, seguendo la procedura guidata, il titolo di abilitazione e l’eventuale titolo per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria conseguito;
  2. nella domanda di dichiarazione dei titoli di riserva, seguendo la procedura guidata, il titolo di riserva cui hanno diritto e, in caso di provincia destinataria della domanda diversa da quella di residenza, gli estremi dei documenti attestanti il diritto alla riserva di posti o la pubblica amministrazione in possesso della documentazione;
  3. nella domanda di inclusione negli elenchi del sostegno, seguendo la procedura guidata, il titolo di specializzazione di sostegno e/o relativo ai metodi differenziati conseguito.
Pagina 1 di 22