Concorso ordinario infanzia e primaria, cosa studiare e come prepararsi

In cosa consiste l’esame?

Dal momento che le prove preselettive sono state cancellate sin dal Decreto Sostegni bis, la prova concorsuale si baserà su una prova scritta computer based, in una prova orale e nella valutazione dei titoli.

Prova scritta

Unica prova scritta (computer-based) con più quesiti a risposta multipla, volta all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulle discipline della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese.

50 quesiti (ognuno di 4 risposte di cui una esatta, per un tempo complessivo di 100 minuti), saranno così suddivisi:

  • 40 sulla classe di concorso (allegato A al decreto del Ministro dell’istruzione 20 aprile 2020, n. 201);
  • 5 quesiti sull’informatica, che accertino le competenze digitali inerenti l’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento;
  • 5 quesiti sulla lingua inglese, che accertino le conoscenze di lingua inglese al livello B2 del Quadro Comune Europeo per le lingue.

Per i posti di sostegno i 40 quesiti verteranno sulle metodologie didattiche da applicarsi alle varie disabilità.

L’ordine dei 50 quesiti è somministrato in modalità casuale per ciascun candidato. Non ci sarà la previa pubblicazione dei quesiti.

Valutazione della prova

Ciascuna risposta esatta vale 2 puntizero punti valgono le risposte non date o errate. La prova è valutata al massimo 100 punti ed è superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70 punti.

Prova orale

I candidati che supereranno la prova scritta, accederanno all’orale. Il programma d’esame fa riferimento all’allegato A e valuta:

  • la padronanza delle discipline
  • la capacità di progettazione didattica efficace, sul fronte dei contenuti e delle metodologie
  • L’uso delle TIC nella progettazione didattica.

Per i posti di sostegno, si valuta anche la didattica speciale.

In cosa consiste la prova orale?

La prova orale consiste nella progettazione di una attività didattica, comprensiva dell’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle TIC.

La valutazione della prova

La prova orale è valutata al massimo 100 punti e superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70 punti.

Valutazione dei titoli

Ai titoli è attribuito un punteggio massimo di 50 punti.

L’Allegato B identifica i titoli di accesso, i titoli professionali, culturali e di servizio valutabili.

Il voto finale è espresso in duecentocinquantesimi.

Svolgimento in sicurezza

Le prove si svolgeranno nel rispetto del protocollo di sicurezza già previsto per le prove del concorso STEM, con alcune precisazioni: l’obbligo di presentare il certificato vaccinale e/o il referto di un test antigenico rapido o molecolare è sostituto dall’obbligo di presentare la Certificazione verde Covid-19.

 

Il giorno dell’esame

I candidati, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità, del codice fiscale e della ricevuta di versamento del contributo previsto per la partecipazione alla procedura concorsuale, devono presentarsi nelle rispettive sedi di esame.

Dovranno anche compilare un’autodichiarazione, in cui sottoscrivono l’assenza di sintomatologia riconducibile al Covid e di non essere sottoposti a misure di quarantena.



SONO ANNI ORMAI CHE LA SCUOLA è GESTITA IN MANIERA INADEGUATA, si ignorano i veri problemi che andrebbero risolti e la politica  prospetta pseudo riforme del sistema dell’istruzione, sottintendendo che la scuola italiana non funziona, scaricando il problema sul personale scolastico.

La politica purtroppo non ascolta chi nella scuola lavora e attraverso il suo lavoro rende possibile il suo funzionamento è una denuncia che da anni il CONITP rivolge al MIUr E AI POLITICI.

Ormai i grossi sindacati fanno solo i loro comodi accordatosi con il Governo, il CONITP è rimasto sempre fuori da questi giochi di potere.

Il personale scolastico ATA  e docente è in balia di un Ministero che non sa più cosa inventarsi .

Negli ultimi anni SONO  stati commessi  ERRORI A RAFFICA lasciando docente e ATA nel limbo ( graduatorie sballate , nomine online effettuate senza indicazioni , assenza di  trasparenza etc. etc. etc. )

In questi mesi abbiamo sentito e continuiamo troppe volte a sentir parlare retoricamente di Priorità della scuola. Considerare prioritaria la scuola significa affrontare e risolvere i suoi problemi.

Problemi che la scuola italiana ha da anni, che non sono mai stati presi in considerazione e che sono esplosi in tutta la loro drammaticità con l’insorgere della pandemia.

  1. il primo problema riguarda l’edilizia scolastica. L’80% delle scuole italiane è ubicata in edifici che non sono stati pensati e progettati per l’attività didattica.
    2. Altro problema, non certo in ordine di importanza, riguarda il numero degli alunni per classe. Le classi di studenti delle nostre scuole sono numerosissime.
  2. altro problema di facile risoluzione ma mai affrontato e che  nella scuola italiana c’è un esercito di insegnanti precari che lavorano nell’assoluta instabilità senza continuità e possibilità di pianificare la loro attività e la cui precarietà è tutti gli anni causa di rallentamenti e disagi del sistema scolastico.
  3. con la pandemia si è aggiunto il problema GREEN PASS , a parere del CONITP l’obbligatorietà del vaccino non può essere imposta , siamo in uno stato libero e quindi ognuno può prendersi le sue responsabilità e rischi  , infatti , in tutta Europa non esiste un obbligatorietà .
  4. altro problema riguarda gli stipendi , questo Governo ha aumentato TUTTO ( carburanti , beni di prima necessità , gas, energia etc.) ma gli stipendi sono sempre bassi e inadeguati , oggi si parla di 100 euro di aumento in 3 anni , ciò vuol dire neanche 20 euro al mese netti.
  5. In Italia c’è una disuguaglianza nei confronti di DOCENTI E ATA precari , infatti ,si assiste ad una discriminazione durante le convocazioni, molte persone subiscono ingiustizie , che rimangono impunite dal MIUR , dirigenti che non rispettano le 24 ore per la presa di servizio ,convocazioni inviate in modo errato , dirigenti  che minacciano via telefono i convocati  chiedendo  competenze già  maturate per l’assunzione ,cosa che non si richiede nemmeno a dirigenti o  DSGA che si assumono attraverso pseudo concorsi nei vari settori lavorativi. Etc. etc. etc.
  6. altra problematica è il blocco triennale dei trasferimenti, provvedimento inutile che mette i docenti in condizioni poco serene.  Il blocco va eliminato subito fin dal prossimo aggiornamento e iposti disponibili per i trasferimenti vanno aumentaticon la riduzione del numero di alunni per classe.
  7. negli ultimi 2 anni sono state effettuate nomine online, non tutti gli uffici scolastici lo hanno fatto,  che hanno generato confusioni ed errori , poiché si utilizzano sistemi senza controlli alla base.
  8. Concorsi effettuati alla rinfusa ,  senza notizie certe , CONCORSI ..concorsi  …  senza una programmazione accurata e senza tutelare i precari che hanno acquisito esperienza sul campo.
  9. problema LSU che ha generato caos , gestito malissimo ,che ha creato  diminuzione di posti  e di ruoli al personale ATA.
  10. il personale ATA è continuamente sfruttato a causa della mancanza di norme certe e chiare , mentre i docenti sono poco tutelati dal MIUR  da dirigenti dittatoriali e DSGA ( che talvolta attaccano ed offendono il personale ATA e docente ) assunti da pseudi concorsi senza avere  competenze e conoscenze del settore.

La scuola ha bisogno di norme chiare e di stabilità , è inimmaginabile che ogni Governo che arriva e ogni ministro che mette piede a viale Trastevere cambia tutto disorientando tutti.

Il CONITP dice Basta con questi continui cambi e chiede di affrontare le problematiche scolastiche in modo serio e con continuità.

Il Ministero deve confrontarsi anche con noi del CONITP , poiché , le nostre critiche partono dai problemi reali della scuola. Il Ministero deve finirla di complottare con i soliti sindacati solo perché fa comodo avere gente che non contesta il loro lavoro.

Ecco questi sono i principali problemi della scuola italiana, non gli unici, ma quelli più urgenti, quelli che se risolti possono alzare e migliorare il livello dell’istruzione e della formazione dei nostri ragazzi. 

GOVERNO INCAPACE- ERRORI DI GRADUATORIE  - -NOMINE ERRATE-posti ATA RIDOTTI SOPRATTUTTO AL SUD- CLASSI POLLAIO -

La scuola Italiana vive un periodo disastrato, PD e 5 stelle  hanno fatto della scuola un colabrodo , tutto gestito malissimo.

PER NON ANDARE LONTANO ricordiamo le graduatorie docenti GPS formulate con una miriadi di errori senza spiegazioni , tanti aspiranti ad oggi sono ancora con punteggi errati , questo a causa di un sistema difettoso e chiarimenti superficiali e inesistenti  dal MIUR .

Nomine docenti elaborate in maniera approssimativa, inesatta , ma gli uffici scolastici si lavano le mani e ancora oggi tanti docenti che dovevano contrarre nomine sono in attesa di conoscere gli esiti dei ricorsi ..

Anche per il personale ATA stessi problemi , posti tagliati al SUD per una cattiva gestione degli LSU e tanta gente ,con famiglie , quest’anno non è riuscita a prendere un posto .

Classi pollaio, dirigenti lasciati soli a gestire le problematiche senza un appoggio del Ministero , concorsi banditi in continuazione senza un piano ben organizzato che tuteli i precari storici , ruoli ATA assegnati con il contagocce , scuole prive di personale collaboratore scolastico .etc. etc. etc..

Il Ministro ci ha ignorato .

Non è giusto che per la sua incapacità e  la cattiva gestione degli uffici scolastici di tutta Italia( personale nuovo e senza formazione)  docenti e ATA subiscono  ingiustizie che rimangono impunite.

Il CONITP chiede risposte ….. e chiede di utilizzare i  nuovi sistemi solo dopo aver definito in sede di contrattazione le modalità applicative e dopo  un accurata messa a punto dei sistemi che sono stati INEFFICIENTI.

 

Nb: Il CONITP è  un sindacato autonomo , senza scopi politici , apartitico che tutela esclusivamente il personale scuola , pertanto, le proteste sono il frutto  dell’insofferenza di chi lavora nel mondo scuola e si sente abbandonato da un Governo irresponsabile.

COME ACCETTARE LE SUPPLENZE DOCENTI E ATA

 

Con nota n. 2692 del 7 settembre il ministero dell’Istruzione ha introdotto alcune novità nelle modalità di “convocazione dalle graduatorie d’istituto del personale docente e ATA”.

Per l’anno scolastico 2021‐22 le funzionalità di convocazione dalle graduatorie d’istituto sono state completamente rinnovate. Le funzioni sono, come sempre, disponibili nell’area del reclutamento del personale della scuola e corrispondono alle seguenti voci di menù:
‐ Convocazioni da graduatorie d’istituto del personale docente
‐ Convocazioni da graduatorie d’istituto del personale ATA.

Accettazione della convocazione on line per docenti e ATA

Le nuove funzioni sono state realizzate a normativa invariata e pertanto non prevedono una gestione diversa dalle precedenti. E’ stata, però, aggiunta la gestione dell’accettazione della convocazione da parte degli aspiranti interessati attraverso una funzione on line che consentirà alla scuola di consultare tutte insieme le risposte alla convocazione fatta.
Le funzioni non hanno limiti sul numero di aspiranti da convocare.
All’apertura delle nuove funzionalità, le vecchie saranno dismesse. Rimarranno disponibili le sole funzioni di consultazione delle vecchie convocazioni, utili in caso di contenzioso.

 

Pertanto per accettare nomine docenti o ATA quando arriverà la mail di convocazione, da parte delle scuole ,  cliccare sul  link , che arriva con la convocazione via mail , per accedere alla piattaforma online per L’ACCETTAZIONE DELLA SUPPLENZA.

Il CONITP comunica che

SONO APERTE LE ISCRIZIONI PER I SEGUENTI CORSI:

 

MASTER E PERFEZIONAMENTI

 

 – Master di I livello –  validi 1 punti per le graduatorie GPS  -   validi 1 punto per i docenti di ruolo per  trasferimenti  e graduatorie interne

 

Corsi di perfezionamento - validi 1 punti per le graduatorie GPS     -   validi 1 punto per i docenti di ruolo  per i trasferimenti  e graduatorie interne.

 

– Corso Biennale da 3000 ore validi 5 punti per i docenti di ruolo  per trasferimenti e graduatorie interne  , validi 2 punti per i docenti GPS

 

-24 CFU validi per partecipare al concorso e inserirsi in graduatoria

 

MASTER + 24 CFU  chi consegue il master avrà anche la certificazione dei 24 cfu utili per inserirsi in graduatorie e concorsi.

 

 

Tutto in modalità telematica con tutoraggio

I master e perfezionamenti sono validi per punteggio nei concorsi a cattedra

ESAMI IN SEDE

Il CONITP è un polo didattico universitario

 

 

Inoltre si comunica che il CONITP è convenzionato per corsi di :

EIPASS ,PEKIT  ,tablet – lim ,  B2 ,C1 , C2  inglese , etc.

 

Qualifiche triennali e recupero anni scolastici : diplomi quinquennali :geometra , alberghiero, ragioneria , elettronica, meccanica , informatica etc.

I corsi sono validi per aumentare i punteggi per docenti e ATA

Il CONITP offre consulenza gratuita per il percorso più idoneo da seguire per l’accesso al mondo scuola .

I corsi sono quasi tutti a distanza ed è possibile seguirli da qualsiasi parte d’Italia o anche estero.

PER INFO

                        www.conitp.it  - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Supplenze Gps e GAE  

ERRORI IN TUTTA ITALIA

 

Le problematiche relative all’assegnazione delle supplenze che stanno emergendo in questi giorni affondano le radici nella sovrapposizione di alcune date che non hanno consentito ai candidati di effettuare scelte consapevoli e logiche, non per colpa loro , DOMANDE IN PIENA ESTATE parzialità delle pubblicazioni  , graduatorie GPS ancora con migliaia di errori …

Gli usp si  sono sobbarcati un lavoro enorme , MAI CALCOLATO DAL MIUR ,  ritrovandosi a dover lavorare continuamente con una situazione in continua evoluzione e aggiornamento. Il risultato è stato che i candidati hanno espresso preferenze senza reale cognizione di causa, situazione che si è andata a ripercuotere sulle assegnazioni e sulle incongruenze che stanno emergendo in questi giorni, complice anche i problemi evidenziati nell’algoritmo del ministero.

Inoltre il  server di Istanze Online è andato in tilt per troppi accessi e le disponibilità dei posti pubblicate , in molti casi errate ,  oltre la data di scadenza.

 

Scelte effettuate praticamente al buio da parte di alcuni docenti per le relative province di interesse. E il risultato è che previsioni, calcoli e ragionamenti effettuati si sono rivelati inutili o sbagliati.

LE INDICAZIONI DEL CONITP ,di come fare la scelta si sono rivelate efficaci  e CONCRETE ed HANNO arginato i problemi che si sono verificati , infatti molti docenti si sono ritrovati con scelte errate e senza cattedra.

Ancora una volta un Governo incompetente E DITTATORIALE  continua a fare danni nella scuola perché si rifiuta di  ascoltare chi il mondo scuola conosce bene ed ha sicuramente una visione più ampia dei processi scolastici.

Prendono il via le operazioni per le assunzioni a tempo indeterminato del personale ATA. La procedura è totalmente informatizzata e l’istanza si compila su Istanze online. Gli Uffici scolastici provinciali pubblicano gli avvisi con le date e le posizioni in graduatoria degli aspiranti.

Il numero dei convocati è superiore al numero dei posti disponibili per le nomine in ruolo per sopperire ad eventuali rinunce. La presentazione dell’istanza non è perciò garanzia di nomina.
N.B. Per qualsiasi aggiornamento gli aspiranti devono fare riferimento agli avvisi ufficiali dell’ambito territoriale di proprio interesse.

 

Gli aspiranti inclusi nelle graduatorie ATA 24 mesi presenteranno un’unica istanza per l’assegnazione della sede, a partire dal 17 agosto.
 

Indicazioni compilazione domanda

Durante la compilazione il sistema salva ogni sezione: per concludere il processo l’aspirante deve inoltrare la domanda.

E’ possibile modificare i dati presenti nelle sezioni compilate, finché non si inoltra l’istanza. Al momento dell’inoltro, il sistema crea un documento in formato pdf, che viene inserito nella sezione “Archivio” presente sul menù “funzioni” dell’utente, contenente il modulo domanda compilato.

Chi partecipa all’assegnazione delle supplenze

Tutti i docenti ancora in GaE (non assunti in ruolo) e tutti i docenti presenti in prima (+ eventuali elenchi aggiuntivi) e seconda fascia GPS.

Quanti saranno i posti disponibili

I posti ancora disponibili (si consideri che i posti validi per il ruolo dovranno prima essere assegnati per scorrimento ai docenti delle GPS prima fascia o elenco aggiuntivo che ne hanno titolo) saranno pubblicati dai rispettivi Uffici Scolastici entro il 13 agosto.

Potranno essere nominati tutti i docenti che presenteranno domanda?

Verosimilmente no, si tratta di una maxiconvocazione che attraverso una procedura informatizzata in un tempo molto ristretto sarà in grado di attribuire le supplenze (residue) al 31 agosto e quelle al 30 giugno.

Se il docente dovesse dimenticare di compilare l’istanza perde l’opportunità di partecipare alle procedure finalizzate alle assunzioni (DL 73/2021) o all’attribuzione delle supplenze?

La mancata presentazione dell’istanza comporta la rinuncia alla partecipazione alla procedura, ma non comporta la cancellazione dalla graduatoria in quanto si tratta di norma valida solo per l’anno scolastico 2021/22. Inoltre il docente che non compila l’istanza, potrà partecipare alle successive nomine da graduatorie d’istituto.

L’inserimento delle domande avverrà unicamente per via telematica attraverso l’applicazione “Istanze OnLine (POLIS)”.

 A.S. 2021/22 BOZZA INDICAZIONI IMMISSIONI IN RUOLO 
 
La bozza, che ancora potrà subire delle modifiche, per buona parte ripropone le istruzioni già adottate lo scorso anno, soprattutto in merito ai criteri generali delle assunzioni: Posto dispari: l’eventuale unità eccedente è assegnata alla graduatoria penalizzata nella precedente tornata di nomine e qualora non vi siano state penalizzazioni alle graduatorie delle procedure concorsuali. Graduatorie esaurite: Nel caso in cui la graduatoria di un concorso sia esaurita e rimangano posti ad essa assegnati, questi vanno ad aggiungersi a quelli assegnati alla corrispondente graduatoria ad esaurimento. Nel caso in cui, invece, la graduatoria ad esaurimento sia esaurita o non sufficientemente capiente, per i posti ad essa assegnati si procede a nomina dalle graduatorie concorsuali. Riserve di legge: Bisogna tenere conto delle quote di riserva ai sensi della Legge 12 marzo 1999, n. 68 e dell’obbligo di applicare alle assunzioni del personale scolastico la normativa relativa alle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata e degli orfani o, in alternativa, del coniuge superstite, di coloro che siano morti per fatto di lavoro. Compensazioni: Qualora le assunzioni non possano essere disposte sulla totalità dei posti assegnati, in assenza o per esaurimento delle graduatorie o perché sono venuti meno in sede di adeguamento i posti previsti in organico di diritto, si procede fermo restando il limite del contingente assegnato, a destinare tali eccedenze a favore di altre graduatorie, avendo riguardo prioritariamente al grado e alla tipologia disposto di cui trattasi (in subordine è quindi possibile anche in altro grado o per altra tipologia di posto). Tale compensazione tra le classi di concorso/posti dovrà avvenire, in relazione alle esigenze accertate in sede locale, sugli insegnamenti per i quali sia accertata la disponibilità del posto. Graduatoria ad esaurimento scuola primaria- GAE primaria- (posto comune e posto di lingua inglese): Le immissioni in ruolo della scuola primaria devono essere effettuate attingendo dalla graduatoria generale e secondo la posizione nella stessa occupata, anche se riferite a posti di specialista di lingua inglese. Nell’ipotesi in cui il docente non sia in possesso del titolo allo stesso viene notificato, contestualmente, l’obbligo di partecipazione al primo corso utile di formazione per l’insegnamento della lingua inglese. Precedenze - Graduatorie di merito relative a concorsi svolti su base regionale (2016- 2018): Il sistema delle precedenze di cui alla Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (art. 21, art. 33 comma 6 e art. 33 commi 5 e 7) non opera riguardo alla scelta della provincia. - Assegnazione della sede: Nella scelta della sede è assicurata, prioritariamente, la precedenza al personale che si trova nelle condizioni previste, nell’ordine, dall’art. 21, dall’art. 33 comma 6 e dall’art. 33 commi 5 e 7 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104.
 
 PER LA QUOTA DEL 50% DESTINATO ALLE GRADUATORIE CONCORSUALI GM: Infanzia e Primaria a) Graduatorie del concorso ordinario 2016 (DD.GG. n. 105 e n. 107): si scorrono le graduatorie fino al loro esaurimento compresi gli idonei; b) Graduatorie del concorso straordinario 2018 (D.D.G.1546): qualora residuino posti dalle graduatorie del 2016 per mancanza di aspiranti, si scorrono le graduatorie del 2018 fino al loro esaurimento; c) Fasce aggiuntive, se presenti (D.M. n. 40/2020): qualora residuino posti dalle graduatorie del 2018 per mancanza di aspiranti, si scorrono le fasce aggiuntive fino al loro esaurimento; d) Graduatorie Provinciali delle Supplenze (GPS): qualora residuino posti dalle fasce aggiuntive per mancanza di aspiranti, si scorrono le GPS, compresi gli elenchi aggiuntivi, secondo quanto previsto dal Decreto Sostegni Bis, contratto a tempo determinato con formazione e valutazione finale, salvo modifiche al D.L. stesso (Decreto-Legge 25 maggio 2021, n. 73). Sono fatti salvi i posti destinati alle procedure ordinarie per la scuola della infanzia e primaria le cui domande sono scadute il 31/7/2020 (D.D. 498/2020). (provvedimento quest’ultimo che critichiamo perché si crea precariato e si lasciano posti “sospesi”).   
 
  ATTENZIONE: Graduatorie del concorso straordinario 2020 (D.D.510) e Concorso ordinario 2020 (STEM- D.D. 826/2021): qualora residuino posti dalle fasce aggiuntive per mancanza di aspiranti relativamente alle classi di concorso A020, A026, A027 A028 e A041, le disponibilità sono ripartite al 50% tra la graduatoria del concorso straordinario 2020 (nel limite dei 32.000 posti previsti) e il concorso ordinario STEM (nel limite dei 6.129 posti previsti). L’eventuale posto dispari è assegnato al concorso ordinario STEM. e) Graduatorie Provinciali delle Supplenze (GPS): qualora residuino posti dal concorso straordinario 2020 e, relativamente alle classi di concorso A020, A026, A027 A028 e A041 dalla graduatoria STEM, per mancanza di aspiranti, si scorrono le GPS, compresi gli elenchi aggiuntivi, secondo quanto previsto dal Decreto Sostegni Bis (Decreto-Legge 25 maggio 2021, n. 73), fatti salvi i posti destinati alle procedure ordinarie per la scuola secondaria le cui domande sono scadute il 31/7/2020 (D.D. 499/2020). (provvedimento quest’ultimo che critichiamo perché si crea precariato e si lasciano posti “sospesi”).   
 
 
  Cancellazione dalle altre graduatorie per gli immessi in ruolo Le istruzioni operative richiamano inoltre la modifica dell’art. 399 bis del D.lgs 297/1994 già in vigore dall’a.s. 2020/21 la quale prevede che L’immissione in ruolo comporta, all’esito positivo del periodo di formazione e di prova, la decadenza da ogni graduatoria finalizzata alla stipulazione di contratti di lavoro a tempo determinato o indeterminato per il personale del comparto scuola, ad eccezione di graduatorie di concorsi ordinari, per titoli ed esami, di procedure concorsuali diverse da quella di immissione in ruolo.  

Le modalità di espletamento delle prove di accesso predisposte dagli atenei con propri Bandi e costituite da un test preselettivo, una o più prove scritte ovvero pratiche e da una prova orale, nonché gli aspetti organizzativi e didattici del corso di specializzazione per le attività di sostegno sono disciplinati ai sensi del d.m. 8 febbraio 2019, n. 92 e del D.M. 7 agosto 2020, n. 90

Le date di svolgimento dei test preselettivi sono fissate per tutti gli indirizzi della specializzazione per il sostegno per i giorni 20, 23, 24 e 30 settembre 2021 nelle modalità di seguito indicate:

20 settembre 2021 (mattina) prove scuola dell’infanzia;
23 settembre 2021 (mattina) prove scuola primaria;
24 settembre 2021 (mattina) prove scuola secondaria I grado;
30 settembre 2021 (mattina) prove scuola secondaria II grado.

DECRETO è POSTI DISPONIBILI IN ALLEGATO 

Pagina 1 di 26