RICORSI IN GAE – conviene ????

Continuano ad arrivare in sede, da iscritti e non iscritti ,spiegazioni in merito ai ricorsi che propongono alcuni sindacati e legali , per l’accesso alle GAE , per i diplomati magistrale , ITP  , etc.

In merito è da sottolineare che per quanto riguarda i diplomati magistrale , per ben 2 volte la Plenaria  ha stabilito che i diplomati magistrale non hanno diritto all’accesso in GAE , a seguito di questa decisione  ci sono state centinaia di sentenze definitive NEGATIVE . Oltre 20.000 diplomati magistrali sono usciti già dalle GAE e purtroppo tra questi figurano anche una parte che erano stati immessi in ruolo .

A parere del CONITP è una pura speculazione da parte di questi soggetti proporre ancora ricorsi per l’inserimento in GAE , solo un modo per dare false speranze a docenti già tartassati dal precariato.  Sindacati e legali senza scrupoli , che hanno il solo obiettivo di strappare soldi alla gente senza alcun minimo rispetto nei confronti degli associati VISTO LE MOLTEPLICI DECISIONI GIA’ ASSUNTE DAI GIUDICI.

Inoltre alcuni studi hanno organizzato riunioni con gli interessati per costringerli a fare il ricorsi, dicendo che se vogliono rimanere in GAE devono fare ulteriore ricorso.

Stessa sorte per gli ITP e altre categorie di docenti.Sono ormai centinaia i rigetti dei tribunali per l’inserimento in GAE , ma nonostante ciò si continuano a proporre ricorsi senza senso , solo per spillare soldi ai propri associati.

IL CONITP  non ha proposto i ricorsi in GAE poiché gli esiti sono già stati  definiti  dai tribunali , continuare a proporre gli stessi ricorsi sarebbe stato solo speculazione ( se fosse stato un ricorso nuovo senza un esito del tribunale già definitivo , la situazione sarebbe stata diversa , il tentativo era sacrosanto ) .

Pertanto il CONITP invita ad aprire gli occhi nei confronti di chi propone ancora e sempre gli  stessi ricorsi , tra l’altro già rigettati in passato ….. SONO ESCLUSIVAMENTE -  SPECULAZIONI – UN MODO SOLO PER INGANNARE LA GENTE  E TRARNE BENEFICI ECONOMICI.

Il CONITP è il primo a fare tentativi anche in tribunale quando si devono tutelare i docenti o ATA ma non quando già esistono  sentenze già definite diventa una pura speculazione.