Concorsi infanzia e primaria, entro il 10 ottobre decreto con tempi e modalità

 

Concorsi avviati contemporaneamente

L’amministrazione  ha espresso la volontà di avviare le due procedure concorsuali, riservata e ordinaria, contemporaneamente. Ciò, al fine di dare agli aspiranti la possibilità di conseguire i due anni di servizio necessari per l’accesso al concorso riservato.

Contingente assunzioni concorso ordinario

Il nodo principale riguarda il contingente da destinare alle immissioni in ruolo dal concorso ordinario, relativamente al quale (contingente) si devono tenere in considerazione diversi fattori, quali:

  • pensionamenti;
  • capienza residuale delle GM 2016,
  • consistenza delle GAE a livello provinciale;
  • posti che diverranno vacanti per effetto dei provvedimenti giudiziali riguardanti i diplomati magistrali assunti con riserva e clausola risolutiva;
  • aggiornamento GaE (nel 2019) con i relativi (non prevedibili) spostamenti a livello provinciale.

L’Amministrazione, comunque, dovrebbe procedere a breve a stabilire il contingente suddetto, da destinare al concorso.

Emanazione del decreto

L’amministrazione, previo rispetto della tempistica prevista, dovrebbe emanare, entro il 10 ottobre p.v., il DM che disciplinerà il concorso, definendone tempi, modalità e contenuti del bando.

Requisiti concorso straordinario

I requisiti necessari per accedere al concorso straordinario, riservato ai diplomati magistrale entro l’a.s. 2001/2002 e ai laureati in SFP,  sono 2 anni di servizio statale . Sono stati esclusi i docenti delle PARITARIE ,. Il CONITP molto critico su questa scelta contesta il Governo 5 stelle –lega e . per la tutela dei docenti che lavorano da anni nelle paritarie sta già organizzando ricorsi contro questa norma.

Requisiti concorso ordinario

Il requisito richiesto per accedere al concorso ordinario è l’abilitazione, quindi potranno partecipare i diplomati magistrale entro l’a.s. 2001/02 e i laureati in Scienze della Formazione Primaria.

Come avverranno le assunzioni

Il 50% dei posti sarà assegnato alle graduatorie ad esaurimento e il restante 50% ai concorsi. Qualora si esauriscano le GAE i posti residui si aggiungono a quelli destinati ai concorsi.

I concorsi a cui è destinata questa quota sono, prioritariamente, il concorso 2016 (inclusi coloro che abbiano raggiunto il punteggio minimo) e successivamente, qualora residuino posti, il concorso straordinario e il nuovo concorso ordinario con quote del 50% ciascuno. Qualora si esaurisca anche la graduatoria del concorso straordinario i posti residui si assegnano al nuovo concorso ordinario.